Cerca nel blog

mercoledì 15 novembre 2017

L'USO DEL FRAMMENTO

Sull’uso del frammento nella struttura del testo, si potrebbero fare mille paragoni, definendoli scatti neuronali, frazioni del tempo e della mente,. fondo e superficie dell’inconscio,  schegge, geroglifici, lampeggiamenti, balbettii, punto e croce per interrompere il filo della narrazione, e ossigenare così le parafrasi, le metonomie, le metafore, ecc., uniformando il discorso con una implantologia estetica senza per questo creare fratture, disgiunzioni. Al fine di rendere questo discorso più esplicativo, ho ritenuto di presentare un ventaglio di esempi relativi al frammento tratti dalla raccolta In viaggio con Godot, snervandoli dalla struttura principale.

Esempi di n. 38 frammenti, che possono essere letti come un corpo a sé, ma anche come un’unica struttura, se si vogliono togliere le numerazioni.
………………………………..
1) Abbiamo trovato serpenti nel giardino.
Lucy mi volle con sé a vedere l’erba sotto la pietra.
Un abate ci invitò a salvare l’anima.

2) La stanza accumula fumi, si ridesta al mattino.
L’anno è passato.
I miei morti sono quelli che non ricordo.

3) Il decalogo è chiaro, il Codice pure.
I convenuti furono chiamati all’appello.
Chiesero perché fossero nel Tempio.
A sinistra del trono c’erano angeli e guardie del corpo.
Solo il Verbo può giudicare.
L’occhio si lega alla terra.
Non ha altro appiglio se non la rosa e la viola.

4) Il palco all’aperto aspettava il quintetto Gospel.
Si erano perse le tracce del sassofonista del Middle West.
Uno raccontò la fuga d’amore di Greta con  Stokowski.

5) Miss Olson non è più tornata da noi.
Le spediamo una chiave.
Lei saprà a quale porta appartiene.

6) I fornelli hanno perso lo splendore.
Non c’è accordo tra notte e giorno.
Il vento agita le primule.
Sembra primavera ma non lo è.
7) Iris prepara le valigie, torna in  Ljubljana.
Mi duole il pianto a venire.

8) Oggi è il compleanno di Leo.
Lucy ha un ascesso parenchimale.
Difficile che arrivi a Natale.
Esagerato Colbert!
La blu Car è ferma al Comune.

9) Svolazzano i pensieri come arpie.
Nella subway saltano gli orari.
Ci fermammo alla settima stazione.
Uno cadde con la croce sulle spalle.
Si alzò. Chiese il treno per Linate.
Giselle contava le ore.
Mi manca come il Jolly del Jackpot.

10) Sullo schermo gigante torna Casablanca.
Il tempo si accorcia. Mi brucia dentro.
Ma ancora amo la rosa e la viola.

11) Ora anche i gerani hanno una voce.
Cerchiamo il filo d’erba.
Leggo Pound fino alle 18.
La garrota mi toglie il respiro.
Non muoverti. Stai fermo.
Sissi mi aiuta a sollevarmi da terra.
Suor Angelina ha figurine di Cristo velato.
Mesi per leggere i Canti Pisani.

12) I giorni  dell’école sono stati steli di granturco.
Milena sta bene. Ha rifatto la Tac.
Gino accorda l’ukulele.
Picchia alla porta. Ha vasetti di miele di acacia.
Un parapendio ci è venuto addosso.
Sono tornate le vertini d’alta marea.

13) Sera d’estate con milk e guaranà
Quel che è passato ritorna.
Giantonino  esitò a darmi il te absolvo.
La rabbia dei canini prima della parola.
Che fai Picard? Leggi ancora Mario Faustino?
Sento che questo mese mi assassina.

14) Ramirez scrive lettere come Gramsci dal carcere.
Sono i pollini che danno più fastidio.
Il giardiniere ha messo il guinzaglio al mastino.
Uno stabsunterroffizier cercava Daniele.
Anni 60. Il bello dell’Hermitage.
Qualcuno doveva aver abbandonato
La Cappella Sistina e il  Ponte dei sospiri.

15) La Ragazza Carla mi lasciò un fil rouge.
Alle sette apriva il Magazine.
Nel fortilizio Gina attendeva uomini e cani.
Fu un inganno la Befana.
Ma per Jodie tutto era un teatro.

16) La signora Meyer non va più sul balcone
Ha un trenino per  Times Square.
Non aspetta il Natale.
Prepara l’acqua ai Re Magi.
Intinge la bocca ai moribondi.
-Dove tu morirai. dissi, -morirò anch’io-.

17) Linda guardò L’Origine del mondo di William Blake.
-In Principio era il Verbo-.
Poi venne la luce divisa dalle tenebre.
Il mare si popolò di meduse e il cielo di volatili.
Nel Giardino maturò l’inganno.
La carne divenne cenere e la notte eterna-.
Così parlò Oddone da Larino
Remember me!

18) Un inverno più crudele degli altri.
Vuote le chiese, deserti gli snack-bar.
Né Dio, né il Caso rimossero le foglie sul selciato.
Amelich citò dai Salmi i Capitoli 1-5-6.
Notte bianca prima della neve.          
Una modesta proposta ci venne incontro.
Furono gettate le reti a sinistra della barca,
fatte le oblazioni della sera.
C’era neve a New York, pioggia a Bangkok.

19) Il primo attore della Compagnia Arti e Mestieri
divagò sulle 12 maschere dell’anno.
Come un àspide tornò il dilemma inglese.
Provaci ancora Hamlet!

20) Milano ti chiama, Carlos.
Ogni giorno è una fuga.
Meglio tracciare ideogrammi sui vetri bagnati.
L’inverno prepara esche.

21) Un’orchestra senza archi e violini.
-Ma che musica è? -  disse Beethoven,
cercando la sinfonia in Re minore.
-E’ un funeral blues-, rispose zia Molly-,
-uno di quelli che suonano i niggers
nel quartiere di Queens-.

22) Le funivie da tempo sono in standby.
Questo viaggio non era da farsi.
La bella di marzo è tornata.
Ladra di notte, la luna ha celato la faccia.
Dal fronte del porto nessuno segnala avarie.

23) Da quale rovo sei venuta?
La stagione porta trappole.
Temi le Centurie, i mesi bisestili.
Un testamento è nel caveau.
Aspettami quando il leone e l’agnello
si saranno fermati all’ombra delle oasi.
Noè ha attraversato il Topanga Canyon.

24) Il frutto dell’albero è maturo.
E’ diventata cieca la memoria.
Una tettoia è finita sul selciato.
L’anfora è rotta Ubaldo!
L’anfora più bella è rotta.
25) Sono venuti già acqua e neve.
A tratti si è fermato l’anticiclone.
Il vecchio Osborne non se ne è accorto.
Sta a guardare il sole che nasce e muore.
Preghiamo per i nostri gelsomini.
Il Signore solleva dalla polvere il misero,
innalza il povero dalle immondizie.

26) E’ un giardino il tuo pensiero.
Primavera ci guazza dentro.
Si lamenta l’autunno senza il ruscus sui rovi.
La corda dell’altalena appesa al cielo.
Il signor Eliot ti manda un saluto.

27) Marisa ha ricaricato l’orologio.
Teme i cambi di stagione.
Miss Adeline si è smarrita in West Side Story.
Riprendiamo tu ed io la conversazione galante.


28) Con le stagiste di Arlington
parlammo di città medievali.
La profezia dei Maya.
Le statue sull’isola di Pasqua.
Nessun rosario a mezzanotte.

29) Trovammo reperti fossili
a Zimbabwe e a Kimberley.
Priscott ricordò le donne di Venosa.
Il passato è un’ombra nella mente.
Non c’è motivo per andare o restare.
Le ore passano, fanno il loro giro.

30) Loucy è serena non teme i cambi di voli.
Buttley che dice?
Neppure padre Vincent lo capisce
E’ una questione di spine e di sacrifici del cuore.
Ci sono in ogni città cimiteri e fontane.
Ma uno come Frank se ne sta alla larga.
Dice che è meglio così.

31) Questa mattina siamo stati nel giardino di Klingsor
a vedere come stanno le cose.
L’ingresso era chiuso.
La chiave gettata nel pozzo.
Ida da tempo non stava bene.

32)Lucy provvide a rimuovere il barbecue sul terrazzo.
Un grido si levò nella notte.
Al piano di sopra si udivano i calpestii.
La figlia di Alez correva nelle stanze.
Nulla che tu potessi fare per stare tranquilli,
neanche fermare il mese con i suoi arnesi da scasso.

33) La notte gelò i prodigi nel pineto.
Clarissa aspettava le benedizioni promesse.
Ai passeggeri del sogno
Furono condonati i peccati.
Balaam predisse oracoli oscuri.
Ci fù chi trovò la chiave dei testi di Timbuktu.
Al Tempio vennero profeti.

34) Il tempo è in agguato. Ci minaccia.
Dora alle sette apre le imposte.
Toglie i ragni sui muri. Chiude la porta.

35) Non c’era la luce per le scale.
Si era fatto buio, spente le lampade Led.
Nel giardino sbiancava la fioriera.
Su uno stracciafoglio scrivemmo poesie.
Se ne vanno i giorni in  fila indiana.

36) Ci fu una rapina  di ostie nel ciborio.
Uno lasciò le impronte sul sagrato.
Un altro  donò corone alle moldave e alle maitrisse.

37) La signora Timberlane credeva che standomi accanto
tornasse il sole.- Come here!,
disse Miss Swedenborg, la principessa dei sogni.
-Solo con me puoi tornare alle notti di luna-.
-Ho timore, Madame, che tutto questo non basti!-.

38) Caroline ha cambiato epitaffio
da quando  ha letto Spoon River.
E’ venuto Arturo con l’amuleto contro i Woodoo.




Nessun commento: